Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies tecnici" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche, "cookies di profilazione" per esaminare le tue abitudini di navigazione e mostrarti quindi avvisi pubblicitari mirati e "cookies di terze parti".
Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l’informativa estesa (Clicca qui). Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies (Accetto).
 
 
 
 

COME UN ROMANZO

Una storia infinita, mai finita

Dalla Belle Époque al contemporaneo: cambiano gli stili, si alternano i personaggi, le musiche riecheggiano, ma l’ambientazione e il fascino non mutano mai.
 
 
1901
La belle époque
1901 Cortina è ancora un piccolo paese di montagna sotto la bandiera dell’impero austro-ungarico quando Emilia e Giuseppe Menardi inaugurano il Palace Hotel Cristallo – progettato dal maestro Gustavo Ghiretti, ispirato all’art nouveau in onore delle nobili tradizioni viennesi – che da allora domina la valle stagliandosi bianco sul verde brillante dei prati.
1915
La Grande Guerra
1915 Il primo conflitto mondiale segnò una tragica battuta d’arresto nella vita dorata dell’epoca: l’albergo venne adibito ad ospedale militare, occupazione dalla quale uscirà quasi completamente distrutto.
1928
1932
Gli anni d'oro
1928 – 1932 Leo Zardini, grande sportivo e gran viveur diede un forte impulso al fascino di Cortina e dell’Hotel Cristallo: nel 1928 l’albergo era dotato di due campi da tennis che d’inverno si trasformavano in pista da pattinaggio e, dal 1932, di una piscina scoperta, una rarità e una nuova ambita attrazione per un albergo di montagna.
1947
La dolce vita
1947 Con la ricostruzione del dopoguerra, inizia una nuova epoca per il turismo a Cortina. Un’accurata ristrutturazione riportò il Cristallo al suo antico splendore e, sotto la gestione di Leo Menardi e della moglie Ofelia Zardini, l’albergo ritornò ad accogliere gli ospiti in quell’atmosfera elegante ed esclusiva che da sempre lo caratterizza.
1950
1957
Le olimpiadi
Leo Menardi ha la cultura, la sensibilità e le doti organizzative per anticipare le tendenze, capire e assecondare i desideri più stravaganti: sul piano sportivo porta a Cortina l’hockey e il curling, promuove la squadra del Bob Club Cristallo e soprattutto la leggendaria Coppa D’oro delle Dolomiti, la corsa che ha portato sui tornanti delle Alpi i migliori piloti del mondo e le prime Ferrari.
Già eletta patria degli sport invernali Cortina è la prima stazione montana italiana ad ospitare i Giochi Olimpici nel 1956, ricevendone notorietà mondiale tanto da diventare una delle mete più mondane e frequentate degli anni ’60 e ’70.
1960
1970
I favolosi anni sessanta
Leo e Ofelia Menardi passano il testimone al figlio Rinaldo che è pronto a cogliere e interpretare le ultime tendenze del mondo giovanile: apre al Cristallo il Monkey che diventa ben presto uno dei locali più frequentati, culla di grandi amori e delle passioni della gioventù dorata del tempo. Erano gli anni della contestazione del perbenismo, della moda trasgressiva, della vita notturna e il Monkey organizza feste e party indimenticabili. Klaus Kinski, Ira Furstenberg, Philips Niarkos, i Principi del Liechtenstein, Shirley Bassey, Brigitte Bardot, Luca Cordero di Montezemolo... sono solo alcuni dei tanti assidui frequentatori tra rampolli di nobili casati, industriali, attori e artisti che eletrizzavano quelle notti senza fine.
Anni spensierati dalla feconda creatività che portarono a scegliere Cortina e il Cristallo anche per l’ambientazione di numerosi film: primo fra tutti “La Pantera rosa” girata nel 1963 da Blake Edwards che portò a Cortina David Niven, Peter Sellers, Capucine e Claudia Cardinale, fu poi la volta de il Colonnello Von Rayan con Frank Sinatra, James Bond agente 007, Vacanze di Natale dei fratelli Vanzina e quindi di spot pubblicitari e sceneggiati televisivi: la storia dello spettacolo si incrocia con la storia del Cristallo, fascinoso palcoscenico naturale e mondano, pittoricamente perfetto.
1978
La fine di un'epoca
I tempi e le mode cambiano velocemente, Cortina continua ad essere il punto d’incontro del bel mondo per le vacanze estive ed invernali, ma le grandi famiglie aristocratiche ora scelgono il soggiorno nelle splendide baie ristrutturate.
Il Palace Hotel Cristallo, da oltre sett’antanni gestito dalla famiglia Rinaldi non ha più la clientela di un tempo e viene ceduto alla Compagia Italiana Grand Hotels. Un passaggio, quello dalla gestione famigliare al grande gruppo alberghiero, che segna l’oblio di uno degli alberghi più famosi del mondo.
1995
La rinascita
Il Palace Hotel Cristallo è chiuso da diversi anni ma il fascino di quel paradiso, che custodisce ricordi di un passato scintillante, rimane inalterato e colpisce la fantasia dell’imprenditore bolognese Paolo Gualandi che decide di riprendere il filo di una storia magica interrotta troppo bruscamente.
2001
Riapre il Cristallo
Dopo dieci anni riapre il Cristallo Hotel Spa & Golf e porta a Cortina una ventata di novità ed insieme lo sfarzo disinvolto, elegante e dinamico che riaccende lo spirito gioioso degli anni più belli.
 
 

Cristallo Hotel Spa & Golf, Via R. Menardi 42, 32043 Cortina d´Ampezzo (BL)